News

Call-for-paper—Il-bias-del-gender-

Possibility is not a luxury; it is as crucial as bread.

Judith Butler
Costruire e decostruire l’identità sono operazioni che, attraverso la propria circolarità, imprimono all’esperienza umana il movimento che ne rivela l’intima vitalità e l’aspetto poietico. Le pratiche di costruzione e decostruzione del sé, di accettazione e di rifiuto delle norme date, di composizione e scomposizione dell’identità, forgiano l’esistenza, caratterizzata com’è da una dipendenza costitutiva dall’esteriorità sociale. Per affrontare tale dipendenza, è necessario mettere in campo strategie di riconoscimento, da una parte, e strategie di sovversione, dall’altra: rompere la relazione che può portare lo stereotipo a cristallizzarsi in pregiudizio, e a dar vita a forme di discriminazione, diventa essenziale per tentare di abbattere lo stigma che emerge attraverso un processo sistemico e che esprime e riproduce, al tempo stesso, la volontà di dominio. Analizzare le meccaniche della fisica sociale può essere esercizio utile perché il flusso di idee e la diffusione delle stesse, attraverso le reti sociali, trasformino le molteplicità in possibilità. La presente call ha l’obiettivo di indagare il perverso rapporto fra lo sguardo sulla umanità secondo una prospettiva di genere e la torsione sessuata che essa subisce nel preoccupante dibattito contemporaneo, politicamente e moralisticamente finalizzato a contrarre la libertà di autodeterminarsi e di definire la propria identità di genere, quest’ultima slegata dal mero sesso biologico.

AMBITI DISCIPLINARI
antropologia, psicologia, biologia, sociologia, storia e diritto.
Per info e contatti
info@durangoedizioni.it

Scarica il pdf della Call:
Call for paper – Il bias del gender

Leave a Comment

Your email address will not be published.

yoast seo premium free