News

PRIMA-BIAS-RAZZA-Raleway-600×916


“Le diverse analisi critiche svolte nel Bias della razza si rivelano, per usare una celebre espressione di Marx, il cervello di cui la passione ha bisogno, passione per un’umanità solidale e antirazzista.”

Così Sabina Miriam Zenobi nella recensione de “Il bias della razza” per freeebrei.com

Abstract: Sabina Miriam Zeboni reviews “Il bias della razza” (The bias of race), a collective work which analyzes the emerging of racial question in contemporary and globalized world from a cognitive point of view.

“Tra le molte pubblicazioni in memoria del Manifesto degli scienziati razzisti comparso su “Il Giornale d’Italia” del 14 luglio 1938, mi pare degno di nota il libro uscito lo scorso novembre intitolato Il Bias della razza, polarizzazioni del pensiero, torsioni identitarie e politiche dell’odio, per Durango edizioni. I saggi che compongono il testo si propongono di indagare le motivazioni alla base di quello che viene definito come il “ritorno dirompente” della questione razzista nel dibattito politico attuale, per riuscire a decostruire quei processi di esclusione e di emarginazione responsabili delle forme più estreme di intolleranza verso la differenza, che si tratti di xenofobia, di sessismo, di omofobia o di transfobia. Il bias cognitivo, come viene spiegato nell’introduzione, è un errore di funzionamento dei processi di conoscenza individuali o collettivi che porta…”
[continua a leggere la recensione qui: Sabina Miriam Zenobi, Il bias della razza – Anno IX, Numero 1, gennaio-giugno 2020‎

Per acquistare IL BIAS DELLA RAZZA (digitale/cartaceo) clicca qui: Il bias della razza – Polarizzazioni del pensiero, torsioni identitarie e politica dell’odio

yoast seo premium free